Stampa

Che cos'è la Mediazione

foto che cosa e la mediazione

La mediazione è una modalità di risoluzione dei conflitti che punta, attraverso un approccio positivo e conciliante, a trovare una soluzione soddisfacente per le due parti, attraverso l'aiuto di un mediatore. 

Ricorrere alla mediazione è un'azione facoltativa e di buon senso, tuttavia per alcune materie è obbligatorio tentare la mediazione prima di intraprendere una causa.

Le materie di mediazione obbligatoria sono state stabilite dal D. Lgs. 28 del 4/03/2010.

Come iniziare un procedimento di mediazione

Avviare una mediazione è molto semplice:

1. Compila il modulo per la domanda di mediazione

2. Invialo via email o fax a InMediaLex

3. Versa la quota di avvio di € 40,00 + IVA tramite bonifico e inviane distinta a InMediaLex

A questo punto, InMediaLex riceve la tua istanza di mediazione e sceglie il mediatore più adatto a te, sia in termini di competenze che di localizzazione geografica.

Una volta assegnato il mediatore, ecco cosa dovrai fare

1. Fidati del mediatore che InMediaLex sceglie per te e partecipa, insieme alla controparte, agli incontri che lui organizzerà

2. Il mediatore ti guiderà nella ricerca di un accordo e ti proporrà la sua soluzione conciliativa.

A questo punto, il procedimento di mediazione si conclude e le due parti scelgono se accettare o meno la proposta di accordo.

Se la proposta di accordo viene accettata, è tutto risolto!

Non occorre più cominciare una causa giudiziale. Il mediatore redige un verbale degli incontri, sottoscritto dalle parti, nel quale indica la soluzione trovata per la composizione del conflitto e, se lo richiedi, InMediaLex ti assisterà per chiedere l'omologazione del verbale ovvero per far avere al verbale di accordo la stessa forza di una sentenza.

Se invece non viene accetata la proposta di accordo, il mediatore redige un verbale negativo in cui descrive la proposta di conciliazione non accettata e le parti possono cominciare il processo civile .

In questo caso, ha inizio un processo civile per stabilire torti e ragioni del conflitto. Il mediatore redige un verbale negativo nel quale può – su richiesta della parte - descrivere la proposta di conciliazione elaborata per richiedere l'accettazione delle parti entro 7 giorni. Se la proposta viene formalmente rifiutata, le parti cominciano il processo civile.

Alla fine del processo

Quando il processo giudiziale si conclude, il Giudice verifica se la sua sentenza corrisponde alla proposta conciliativa che aveva elaborato il mediatore.

Se la sentenza coincide perfettamente con la proposta di conciliazione, il Giudice condanna la parte che aveva rifiutato la proposta anche se vincitrice alle spese di causa ed al versamento di un'ulteriore soma di importo corrispondente al contributo unificato.